Progetto Diabete

Il “Progetto Diabete” ha la finalità di restituire responsabilità professionale e gestionale alla Medicina generale e di assicurare che la Medicina generale, in integrazione con gli specialisti, diventi elemento strategico della gestione della cronicità, trasformando la prescrizione in uno strumento di produzione di buone prove di Real World Evidence e di monitoraggio degli outcome e farmacovigilanza dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA).

Obiettivi

Il Piano nazionale cronicità include anche la gestione del diabete da parte dei medici di Medicina generale (MMG) e dei Pediatri di libera scelta (PLS).
Fra le terapie a disposizione per il diabete c’è una discordanza nelle modalità di prescrizione delle diverse alternative terapeutiche: metformina, sulfoniluree e associazioni sono in fascia A e possono essere prescritte dal MMG mentre gliptine, glifozine e associazioni sono prescritte dallo specialista diabetologo su Piano terapeutico (PT) e distribuite in DPC.

Sul piano assistenziale questa evidente anomalia ha un impatto sul paziente e sul suo percorso di cura. Difatti, in presenza di indicazioni chiare, la prescrizione dello specialista su Piano terapeutico non offre un valore aggiuntivo sul piano regolatorio ed inoltre finisce per costituire un aggravio burocratico e un potenziale allungamento delle liste di attesa, con notevoli disagi sociali.

Pertanto tutti i farmaci antidiabetici dovrebbero, per coerenza assistenziale della cronicità, essere classificati in Fascia A nell’ambito della farmaceutica convenzionata ed essere prescritti attraverso una nota che ne stabilisca modalità, ambiti e criteri di appropriatezza.

Nell’ambito del Progetto Diabete è stato realizzato un Documento di consenso sulla presa in carico del paziente diabetico in un’ottica di continuità assistenziale, scaricabile gratuitamente o sfogliabile online in questa pagina.

 

PERCORSI È UN PROGETTO DI

Fondazione Ricerca e Salute

Generare conoscenze per produrre pianificazione